L’estate è scoppiata. Come scegliere il condizionatore giusto?

L’estate 2021 è scoppiata tutta d’un colpo, quindi adesso è arrivato il momento di acquistare un nuovo condizionatore, anche perché sarebbe davvero un peccato non approfittare dell’ecobonus disponibile quest’anno. Per Approfondire: Leggi l’articolo qui

Certo però, quando si parla di condizionatori le opzioni ormai sono davvero infinite e scegliere quello più adatto alle proprie esigenze non è un’impresa tanto banale, dal momento che per fare la scelta migliore è opportuno prendere in considerazione diversi aspetti.

Proprio per questo, noi di Assitech, abbiamo pensato di fornirti una rapida guida pratica alla scelta del condizionatore.

Innanzitutto, quando si desidera acquistare un condizionatore bisogna considerare che si tratta di un apparecchio multifunzionale.  Ebbene sì, il condizionatore, non serve solo per regolare la giusta temperatura – d’estate e d’inverno – ma anche per deumidificare e purificare l’aria. Infatti, non bisogna dimenticare che quello che ci fa patire maggiormente il caldo estivo è proprio l’afa, ovvero il fattore umidità. Inoltre, in questo periodo caratterizzato purtroppo ancora dalla crisi sanitaria, è importante tener presente il ruolo del condizionatore come purificatore dell’aria, perché, anche nelle stagioni in cui è meglio tener chiuse porte e finestre, assicura il giusto ricircolo.

Poi, dato che in commercio esistono davvero condizionatori di tutti i tipi, per valutare il modello giusto, la prima cosa da fare è considerare l’ambiente – o gli ambienti – che si desidera rinfrescare, in termini di dimensioni e utilizzo.

In caso di abitazioni composte da locali piccoli e relativamente poco frequentati (fino a 40mq), si può anche optare per un condizionatore portatile, da spostare da una stanza all’altra a seconda delle esigenze, tenendo presente che la sua potenza sarà limitata.

Invece, se si tratta di dover climatizzare ambienti ampi e per prolungati periodi di tempo, come un luogo di lavoro o una palestra, allora sarà opportuno scegliere un condizionatore fisso. Chiaramente, in tal caso bisognerà mettere in conto una maggiore rumorosità del dispositivo e la necessità di installarlo vicino a finestre o aperture per posizionare l’unità esterna per l’uscita dell’aria calda.

Per fortuna, oggi sono disponibili anche condizionatori con unità esterna separata, che garantiscono massima efficienza e silenziosità, ideali per abitazioni o uffici.
Questi condizionatori di nuova generazione sono caratterizzati dal fatto che il compressore, ovvero il motore del dispositivo, è separato dall’unità interna e può, dunque, essere posizionato comodamente fuori. In più, a seconda delle dimensioni dell’ambiente da climatizzare è possibile optare per un condizionatore monosplit o multisplit. Il grandissimo vantaggio è che, se gli ambienti da climatizzare sono diversi, si potrà adottare una soluzione multisplit installando un solo compressore.

Inoltre, per scegliere il condizionatore più adatto è importante prendere in considerazione anche la BTU – “British Termal Unit”, unità di misura che indica la capacità refrigerante dell’apparecchio. Tenendo presente che ad un maggiore potenza corrisponde un maggior dispendio di energia.

Per finire, è bene assicurarsi che il modello individuato sia dotato di inverter, un’innovativa funzione che consente di sfruttare a pieno tutte le potenzialità del dispositivo. Infatti, se prima il condizionatore si poteva solo accendere e spegnere, al massimo regolando la temperatura; oggi, grazie all’inverter, è possibile personalizzare anche la potenza, ed altre funzioni, in base alle reali necessità del momento.

 

CONDIVIDI L’ARTICOLO

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest