Il Condizionatore gocciola?

Mai come nel periodo estivo, i condizionatori lavorano a pieno ritmo. Dunque, è perfettamente normale che durante questa stagione di intenso utilizzo l’apparecchio perda un po’ d’acqua. Nella maggior parte dei casi non si tratta di un grave malfunzionamento, ma semplicemente di una questione fisica, risolvibile con pochi, semplici passaggi che rientrano nelle operazioni di manutenzione ordinaria del dispositivo.

Generalmente sono tre le cause più comuni per cui il climatizzatore gocciola.

  1. Partendo dal presupposto che il condizionatore, proprio per compiere la sua funzione, ovvero climatizzare e deumidificare l’aria, produce condensa, dunque acqua, che viene immediatamente espulsa in un apposito recipiente, attraverso un tubo di scarico, può capitare che, nei periodi di maggiore utilizzo, il recipiente si riempia prima del previsto. In questi casi, se l’acqua non riesce a scendere nel recipiente, risale nel condizionatore provocando il gocciolamento. La soluzione è molto semplice: basta svuotare periodicamente il recipiente, prima che sia pieno ed utilizzare per questo scopo solo contenitori appositi, non bottiglie di plastica o altri oggetti improvvisati.
  2. Altre volte la causa di gocciolamento potrebbe essere un’ostruzione nel tubo di scarico della condensa. Può succedere che detriti o nidi di piccoli insetti impediscano il corretto flusso dell’acqua. In questi casi basta verificare le estremità del tubo, chiaramente se dovessero risultare libere, si consiglia di contattare subito un tecnico esperto senza alcuna esitazione, perché la causa del problema potrebbe essere altrove.
  3. Il terzo motivo che potrebbe provocare il gocciolamento del condizionatore è una perdita di gas refrigerante. Infatti, quando il gas comincia a scarseggiare, il condizionatore potrebbe essere soggetto a dei malfunzionamenti. In particolare, si potrebbe formare del ghiaccio sul radiatore nell’unità interna che poi determinerebbe la caduta di gocce al di fuori dell’apposito contenitore. Chiaramente, in questo caso, data la delicatezza del materiale che può essere lavorato solo da tecnici esperti muniti di patentino – leggi l’articolo per approfondire – l’unica cosa da fare è chiamare subito un tecnico specializzato, noi di Assitech siamo sempre pronti ad intervenire!

Infine, non dimenticare: prevenire è meglio che curare! Tutte queste spiacevoli situazioni possono essere evitate semplicemente svolgendo correttamente le operazioni di manutenzione ordinaria del dispositivo che sono fondamentali per garantirne la durata e le massime prestazioni nel tempo.

 

CONDIVIDI L’ARTICOLO

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest